Quanto costano le lavasciuga (o lavatrici asciugatrici) e migliori prodotti per fascia di prezzo

1
2
3
4
5
Candy CS C8LF-S Libera installazione Carica frontale 8kg B Bianco
Smeg DHT83LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 8kg A+++ Argento, Bianco
Beko DRY833CI Libera installazione Carica frontale 8kg A+++ Bianco asciugatrice
Candy CS4 H7A1DE-S Asciugatrice, 7 kg, 85x60x46,5 cm, Bianco
Smeg DHT73LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 7kg A+++ Bianco
Candy CS C8LF-S Libera installazione Carica frontale 8kg B Bianco
Smeg DHT83LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 8kg A+++ Argento, Bianco
Beko DRY833CI Libera installazione Carica frontale 8kg A+++ Bianco asciugatrice
Candy CS4 H7A1DE-S Asciugatrice, 7 kg, 85x60x46,5 cm, Bianco
Smeg DHT73LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 7kg A+++ Bianco
Candy
Smeg
Beko
Candy
Smeg
Bestseller No. 41
Candy CS C8LF-S Libera installazione Carica frontale 8kg B Bianco
Candy CS C8LF-S Libera installazione Carica frontale 8kg B Bianco
Capacità di Carico (Kg): 8Classe Energetica: BProfondità (cm): 60 - 70
Bestseller No. 42
Smeg DHT83LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 8kg A+++ Argento, Bianco
Smeg DHT83LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 8kg A+++ Argento, Bianco
Bestseller No. 43
Beko DRY833CI Libera installazione Carica frontale 8kg A+++ Bianco asciugatrice
Beko DRY833CI Libera installazione Carica frontale 8kg A+++ Bianco asciugatrice
Classe Energetica: A+++Profondità: 60.9 cmLarghezza: 59.5 cm
Bestseller No. 44
Candy CS4 H7A1DE-S Asciugatrice, 7 kg, 85x60x46,5 cm, Bianco
Candy CS4 H7A1DE-S Asciugatrice, 7 kg, 85x60x46,5 cm, Bianco
OffertaBestseller No. 45
Smeg DHT73LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 7kg A+++ Bianco
Smeg DHT73LIT-1 Libera installazione Caricamento frontale 7kg A+++ Bianco
486,60 €481,67 €

Le lavasciuga rappresentano una soluzione interessante per l’economia domestica. Da un certo punto di vista, sono ineguagliabili nella capacità di risparmiare spazio perché in un unico elettrodomestico riuniscono le funzioni di lavatrice e asciugatrice: un bel vantaggio, per chi vive in spazi ristretti o si trova a dover installare i nuovi elettrodomestici in una piccola cantina, un garage, una rimessa o un bagno di dimensioni ridotte. Ovviamente, come qualsiasi prodotto tecnologico, anche le lavasciuga hanno una lista di pro e contro, perché un macchinario “combinato” avrà delle differenze rispetto a uno specializzato in un singolo compito. Diventa ancora più importante, dunque, valutare con attenzione prezzi e consumi: quanto spendiamo per una lavasciuga? La risposta potrà farci capire se si tratta della soluzione giusta per noi.

 

I costi di una lavasciuga: fascia bassa

Se si vuole spendere il meno possibile, probabilmente ci accontenteremo di lavasciuga con capacità di carico ridotte, adatte quindi a un piccolo nucleo familiare o, in generale, a chi non intende fare un uso massiccio dei due macchinari. Precisiamo subito un dettaglio: per quanto riguarda il lavaggio, le lavasciuga ricalcano in tutto e per tutto le capacità di una comune lavatrice, e da questo punto di vista non lascerete nulla al caso. Solitamente, invece, la soluzione tecnologica adottata dai costruttori consiste proprio nel “combinare” le funzioni di asciugatura all’interno della struttura di una lavatrice. Se ci pensate, lavare i panni è una questione quotidiana, potremmo dire vitale nella società di oggi – asciugare tramite getti d’aria calda il bucato, invece, è un’attività che potremo intraprendere anche in maniera più saltuaria, o per carichi limitati.

Considerato questo, i modelli più economici partono dai 300€ per superare facilmente i 450€. Una cifra superiore, dunque, a quella necessaria per portare a casa una lavatrice “regolare”, anche se la differenza non è poi molta. Questi elettrodomestici consentono di risparmiare grazie alle dimensioni contenute. Talvolta si tratta di veri e propri modelli “slim“, cioè con una profondità inferiore a 50 cm; altre volte la struttura rispetta le misure standard (80 centimetri in altezza, 80 centimetri in larghezza e 60 centimetri in profondità) ma propongono cestelli con capacità di carico ridotta: 4, 5 o 6 kg. Assicuratevi tuttavia che la base di partenza sia quella di una buona lavatrice, affidabile e dotata di tutte le opzioni che cercate per un comodo utilizzo quotidiano.

Per risparmiare, vale sempre la pena dare un’occhiata al catalogo delle marche italiane: spesso si rivolgono proprio a un pubblico con particolari esigenze in fatto di spazio e di economia domestica, forse proprio perché, essendo più vicine al territorio, sanno interpretare i bisogni e i gusti della clientela.

Fascia media

I prodotti di fascia media sono i più comuni, e potrete trovare molti modelli tra cui scegliere nei cataloghi delle marche principali. Nello specifico, questo tipo di soluzione rappresenta il cavallo di battaglia per le affidabili marche tedesche ed europee, ma ci sono anche produttori asiatici che si stanno affacciando su questo settore di mercato, con proposte davvero interessanti. I prezzi oscillano da 450, 500€ fino a circa 800€. Cifre di questo tipo risultano dalla necessità di “amalgamare” in un unico apparecchio le funzioni più avanzate che le lavatrici e le asciugatrici possono vantare a livello singolo, prendendo in un certo senso il meglio da entrambi i macchinari.

Le caratteristiche che influiscono sul prezzo:

  • Capacità di carico del cestello
  • Design: “spartano” o moderno?
  • Numero di funzioni digitali e programmi disponibili
  • Classe di efficienza energetica
  • Opzioni avanzate per l’asciugatura

Quando considerate un prodotto in questa fascia di prezzo, sarà importante riflettere in maniera ponderata sui consumi e sul loro rapporto con il prezzo d’acquisto. Generalmente, per quanto riguarda la sezione “asciugatura” le lavasciuga sono equipaggiate con la tecnologia “a pompa di calore”, la più contenuta nei consumi nonché quella di più recente introduzione. Tramite l’utilizzo di uno scambiatore di calore si evitano sprechi di aria calda e quindi di energia, ma va detto che il ciclo di asciugatura durerà qualche minuto in più per permettere al motore di entrare in funzione alla giusta temperatura.

Assicuratevi di valutare la classe di efficienza energetica del macchinario: la classe massima, la A+++, consente in genere di limitare i consumi sotto i 200 kWh annui. A seconda della frequenza di utilizzo che immaginate per il vostro elettrodomestico, e in particolare per la funzione asciugatura che è senza dubbio più dispendiosa del lavaggio, comprenderete se un’eventuale spesa maggiore in fase d’acquisto sarà compensata dai risparmi sulla bolletta di fine mese.

Fascia alta

Le migliori lavasciuga sul mercato, adatte a una clientela che non è interessata a compromessi, partono da 800€ e si spingono oltre i 1000€. Una grossa cifra da sborsare: basterebbe per acquistare una lavatrice e un’asciugatrice separatamente, ma se cercate un modello top di gamma in entrambi gli ambiti allora questa soluzione combinata potrebbe permettervi di risparmiare. Senza contare, ovviamente, i vantaggi in termini di spazio, che sono vitali in certe situazioni: pensate, ad esempio, alla necessità di arredare una seconda casa, dove vorrete godere delle comodità elettroniche senza impegnarvi nell’acquisto di due elettrodomestici separati.

I modelli di fascia alta sono caratterizzati da una grande capacità di carico, fino a 10 kg: una caratteristica fondamentale per famiglie numerose o per chi fa un uso massiccio di questo elettrodomestico. Pensate a questo dettaglio. I capi bagnati, dal momento che sono appesantiti dall’acqua, si schiacciano tra di loro e occupano un volume maggiore. Nella fase di asciugatura, invece, proprio per permettere all’aria calda di attraversare le fibre liberandole dall’umidità in eccesso, i capi d’abbigliamento hanno bisogno di un maggiore spazio tra loro, per “respirare”. Tuttavia, come avrete intuito, lavatrice e asciugatrice condividono, in una lavasciuga, il medesimo cestello. Ecco perché la capacità di carico in fase di asciugatura, in genere, è ridotta di circa la metà.

Questi modelli, inoltre, dispongono di numerosi programmi specializzati, per lavaggio e asciugatura separati a seconda del tipo di tessuto, in aggiunta a sensori automatici per determinare le condizioni di calore e umidità, regolando così i consumi. L’efficienza energetica in genere è massima, quindi non dovrete preoccuparvi della spesa in bolletta.

Con questa tabella, facciamo infine un riepilogo sui prezzi delle lavasciuga:

FASCIAPREZZO
BASSA300-500€
MEDIA500-800€
ALTA800-1200€+

Giornalista freelance, consulente editoriale e traduttore. Appassionato di tecnologia, per la casa e non, e di divulgazione

6834 6789 6836 7723
Back to top
Asciugatrici Migliori